domenica 24 febbraio 2013

Lento eh...

Finalmente ce l'ho fatta!! sono partito anni fa e finalmente oggi pubblico il mio blog...
penserete che dopo tanti anni di incubazione il risultato sarà eccezionale, lo so lo capisco, ma dovete sapere che non sono proprio uno di quei personaggi lineari e che puntano diretti all'obiettivo, no! io vengo spesso attratto da qualcos'altro durante il tragitto, a volte mi fermo a volte cambio direzione perchè ho sentito un profumo, a volte prendo la strada più lunga perchè non sono in grado di semplificarmi la vita e quindi si! non sono costante, ma nel tempo mi sono anche affezionato a questo difetto, così tanto da farlo diventare quasi apprezzabile! Per ciò, se dovessi assentarmi ogni tanto, aiutatemi voi, fatemi un segnale di fumo ed io arrivo.. poi qualcuno dice che l'importante è arrivare anche se, in realta, più che un arrivo questa è una partenza nuova, in compagnia di chi avrà piacere di seguirmi, consigliarmi, di chi è curioso, di chi ama sperimentare ed ora...coltelli affilati, mouse a portata di mano...si parteeeeeee!!!!!

4 commenti:

irene ha detto...

Lento eh....beh la lentezza e' dei saggi....che vanno piano e assaporano ogni passo che fanno....
Buon inizio...buon cammino....siamo curiosi di vedere il.piccolo chef che cresce!

Ilpiccolochef ha detto...

il piccolochef magari crescerà ma non diventerà mai adulto..tantomeno saggio!!! grazieee

Cristina D. ha detto...

Caro Piccolo Chef, io invece ho come marchio di fabbrica quello opposto al tuo. Costante fino all'esasperazione (al punto che arrivavo sempre in fondo anche ai libri che nulla mi dicevano). Determinata sempre ad arrivare alla meta. Per quasi una vita mi hanno fatto credere e ho creduto che fosse una qualità. Poi con il tempo ho capito che, come in tutte le cose, in medio stat virtus. Per cui ho imparato ad ascoltarmi in profondo e coltivo con visceralità solo ciò che sento risuonare dentro. Per cui anche l'incostanza va bene. Va bene mollare percorsi che non hanno più senso, strade che non ci portano dove vogliamo.

Manolo Parisi ha detto...

beh la determinazione è una buona dote basta che non si traformi in ossessione. Come sempre, la verità sta nel mezzo, bisognerebbe essere tutti più equilibrati...però forse diventerebbe una noia :-)
Quindi, direi, godiamoci i nostri eccessi e i nostri limiti, almeno così possiamo dire di aver vissuto!